Gruppo VBM E61,

Un'icona senza tempo

VBM è l'unico produttore di macchine da espresso professionali, oltre al marchio Faema, che può vantare un gruppo E61 proprietario originale, questo per il semplice fatto che le due aziende sono state entrambe fondate dall'uomo che ebbe la geniale intuizione che diede alla luce questo fantastico gruppo erogatore, Carlo Ernesto Valente.

Il gruppo E61 nasce come gruppo puramente meccanico azionato tramite una levetta che mette in moto uno straordinario sistema di camme e pistoncini e molle che, con un solo gesto, permettono di svolgere in modo del tutto meccanico tutti i movimenti necessari all'estrazione del caffè e alla rimessa in funzione del gruppo per la successiva estrazione.

La versione Elettronica dell'E61 è stata progettata per offrire un controllo più preciso delle dosi erogate e dare più liberta a quei baristi che non possono fare a meno del inconfondibile profilo di estrazione dell'E61 originale ma che preferiscono non doversi preoccupare di interrompere manualmente l'erogazione. Le pulsantiere a sei pulsanti montate in corrispondenza di ogni gruppo offrono 4 pulsanti di erogazione, un pulsante "continuo" e uno per l'erogazione dell'acqua calda.

Sistema multi boiler,

Controllo sulla temperatura dell'acqua

Il sistema Multiboiler di VBM, disponibile su Replica 2B, è lo sviluppo naturale del sistema HX associato al gruppo E61. Ogni gruppo erogatore è direttamente collegato a un piccolo boiler da 0,5 l., l’acqua viene immessa al suo interno dopo essere stata riscaldata durante il passaggio all’interno dello scambiatore di calore che attraversa l boiler principale.

Una volta che la piccola caldaia del gruppo - dotata di resistenza dedicata - viene riscaldata, interviene il principio di circolazione termosifonica. Tramite un circuito che attraversa il corpo del gruppo dall’alto in basso, l’acqua calda trasferisce calore al gruppo stesso raffreddandosi e, per gravità, si sposta verso il basso rientrando nella caldaia del gruppo dove viene nuovamente riscaldata dalla resistenza presente al suo interno salendo e rientrando ancora una volta nella testa del gruppo.

Questo processo, si ripete all’infinito e consente, nel caso del sistema multiboiler, di ottenere una gestione della temperatura ottimale in modo indipendente su ogni singolo gruppo.

Torna a Replica 2B